Bonus Irpef 2018

Incentivi 50% con bonus Irpef per tende esterne, tapparelle e oscuranti

Dal 1° gennaio di quest’anno il bonus Irpef per l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari è pari al 50% anche per chi non cambia le finestre.

Dal 2018 scendono al 50% gli incentivi per l’acquisto e la posa in opera delle schermature solari anche per chi non cambia le finestre.

L’agevolazione riguarda infatti le spese sostenute dal 1 gennaio 2018 al 31 dicembre 2018, fino a un valore massimo della detrazione di 60.000 euro, per tende esterne e/o interne, chiusure oscuranti, dispositivi di protezione solare in combinazione con vetrate, ed in generale le schermature di cui all’allegato M al DL n. 311 del 2006.

E’ detraibile sia l’intervento di installazione ex novo di schermature solari sia la sostituzione di schermature solari esistenti.
Ricordiamo che non c’è l’obbligo dell’acquisto degli infissi per ottenere il bonus del 50%: è possibile detrarre la spesa per le tende esterne indipendentemente dall’acquisto delle finestre. Ad esempio, se in mansarda hai già dei lucernari che non sono protetti esternamente, e ti sei reso conto che sarebbe utile dotarli di tende esterne motorizzate o tende interne, ora puoi acquistarle con il bonus: ti costeranno la metà!

Come fare domanda della detrazione del 50%

La comunicazione online sul portale ENEA deve avvenire entro 90 giorni dalla fine dei lavori. La fine dei lavori può coincidere con la data di collaudo che può essere attestata con un verbale di collaudo ad hoc.

Per ottenere la detrazione bisogna effettuare correttamente i pagamenti secondo la categoria fiscale a cui si appartiene:

le persone fisiche (compresi gli esercenti arti e professioni, e gli enti non commerciali) devono pagare le fatture a mezzo di bonifico bancario o postale sugli appositi modelli predisposti dagli istituti bancari o postali per gli interventi di riqualificazione energetica;

per i soggetti fiscali con reddito d’impresa (le imprese individuali, le società e gli enti commerciali) non è obbligatorio pagare a mezzo di bonifico bancario o postale. In questi casi è sufficiente essere in possesso di documenti che attestano il pagamento dei lavori che rientrano nella detrazione.

Quali sono le schermature solari detraibili

La guida dell’Agenzia delle Entrate specifica che per schermature solari si intendono quelle indicate nell’allegato M del decreto legislativo n. 311/2006, cioè chiusure oscuranti e tende esterne che fanno rispettivamente capo a queste norme di prodotto:
– UNI EN 13659 Chiusure oscuranti – Requisiti prestazionali compresa la sicurezza
– UNI EN 13561 Tende esterne – Requisiti prestazionali compresa la sicurezza.
Per meglio capire quali tipi di oscuranti sono agevolabili, ecco alcuni esempi:

  • Tende da Sole
  • Tende per Lucernari

  • Tende per Serre

  • Tende a Bracci

  • Tende per Facciate

  • Tende a Veranda

  • Tende a Pergola

  • Cappottine

  • Schermi solari mobili

  • Veneziane Esterne

  • Frangisole

  • Chiusure oscuranti

  • Persiane

  • Scuri

  • Tapparelle

  • Tende interne

È fondamentale che il prodotto sia posto in prossimità di una superficie vetrata, deve infatti servire a schermare dal sole porte a vetri o finestre. Inoltre la schermatura deve essere mobile, deve potersi aprire e chiudere per modulare la schermatura del sole.

La proroga della detrazione fiscale anche per le tende esterne e le chiusure oscuranti conferma il ruolo importante di questi componenti nel determinare l’efficienza energetica degli edifici, soprattutto per quanto riguarda il raffrescamento estivo.

2018-06-05T12:02:12+00:00 Categoria: Leggi & Normative|Tag: |